Il mercato netbook sotto la lente di Canalys

Workspace
0 0 Non ci sono commenti

Nel primo semestre 2009 sono stati venduti 13,5 milioni di netbook. Il 45% è stato portata in vacanza

Da circa un anno il mercato netbook, una categoria di mini-notebook inventata da Asus e poi Acer (ma anche dall’Olpc di Nicholas Negroponte), sta ridisegnando il mercato Pc. Canalys ha illustrato le cifre del “fenomeno netbook”, che da pochi giorni ha visto fare l’ingresso anche di Nokia , il vendor numero uno di cellulari.

Sono 13.5 milioni i netbook venduti nel mondo nella prima metà del 2009. Più di 50 Tlc hanno iniziato a mettere a scaffale netbook, grazie ad accordi con i vendor: Hp vanta la maggior parte di accordi Tlc, ma Samsung sta recuperando ed è cresciuta rapidamente grazie a NC10.

Netbook e smartphone hanno obbligato i colossi Tlc a effettuare massicci investimenti nella banda larga mobile.

L’impatto dei netbook è stato così dirompente da costringere Microsoft ad allungare la vita a Xp sui mini-laptop, per far fuori Linux, che era sceso in campo, mentre Vista rimaneva escluso dai giochi. Con Windows 7 , in uscita il 22 ottobre, sarà invece un’altra storia: Seven potrà sbarcare sui netbook.

Molti storici vendor Pc si sono mossi in ritardo e troppo lentamente, a partire da Sony, Toshiba, Fujitsu e Lenovo: non aveva compreso, secondo Canalys, la “rivoluzione netbook” in atto.

I Netbook hanno un primato: sono usati il triplo rispetto ai più costosi notebook in luoghi pubblici, come parchi, caffetterie o treni. Il 45% degli utenti se li è portati in vacanza, per rimanere connessi a Facebook, MySpace o al social network preferito.

I netbook venduti con piani tariffari biennali presso gruppi Tlc, hanno un prezzo low-cost compreso fra 100 e 199 dollar i.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore