Rallenterà al 40% il mercato smartphone

AziendeManagementMercati e Finanza
NSA a caccia di dati su smartphone

Strategy Analytics fotografa il mercato un mercato smartphone meno spumeggiante rispetto al 2011. La parola alle società di analisi Gartner, Idc e CCS Insight

La trimestrale sottotono di Apple potrebbe indicare non solo le difficoltà che Apple incontra con Samsung, il cui Galaxy S III ha venduto 10 milioni di unità in poche settimane, mettondo sotto pressione il “vecchio” iPhone 4S, mentre gli utenti già sognano il prossimo iPhone 5. La trimestrale in chiaroscuro di Apple potrebbe essere il segnale di un rallemtamento del mercato smartphone: esploso con un boom del 68% nel 2011, destinato a scalare marcia con una crescita del 40% nel 2012 e in frenata al 23% nel 2013. Lo riporta Strategy Analytics, a cui fa eco Gartner: gli smartphone tengono legati gli utenti con contratti da 18 a 24mesi: “Le ragioni deghli upgrade sono meno urgenti“.

Apple nel 2009 non sentiva crisi, mentre oggi la crisi dei debiti in Europa morde: ma allora l’iPhone era la “novità”, Android solo in fase embrionale, e gli utenti cercavano modelli touchscreen, con email mobile e accesso al full Web. Oggi nei mercati sviluppati tanti hanno uno smartphone. E nei mercati emergenti la penetrazione è più lenta, lì vincono i modelli sotto i 100 dollari. Huawei e ZTE mettono pressione sui prezzi: non tanto su iPhone o Samsung Galaxy, i cui device godono di forte popolarità, quanto su LG, HTC, Nokia e RIM BlackBerry. Se Apple e Samsung si dividono la fascia alta, l’erosione sui margini sugli altri vendor sarà forte. Lo afferma CCS Insight. Samsung ha riportato la sua migliore trimestrale, doppiando le vendite di iPhone.

Secondo Gartner, circa il 35% di 1.9 miliardi (stimati) nel 2012, sarà composto da smartphone. Fra il 20% e il 25% di utenti nel mondo già possiede uno smartphone, e la penetrazione salirà dal 50% al 55% negli USA. Strategy Analytics dice: la prima onda era vendere smartphone costosi a compratori benestanti, la seconda ondata consiste nel portare smartphone economici a utenti meno ricchi. E qui Huawei e ZTE sono meglio posizionati. Invece LG e HTC sono più vulnerabili al declino dei prezzi. In Europa e USA giocheranno un ruolo i carrier, e cioè le promozioni degli operatori mobili. IDC infine avverte di stare attenti alla debolezza dell’economia: chi deve tagliare i budget, risparmierà sulla spesa degli smartphone.

Il mercato smartphone rallenta al 40%
Il mercato smartphone rallenta al 40%
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore