Il museo di Baghdad ritorna in Rete

AccessoriWorkspace

Il museo virtuale esporrà sia le opere ancora visibile e sia quelle perdute o danneggiate

BAGHDAD (Irq) – Le opere del museo di Baghdad torneranno di nuovo a essere esposte, almeno on-line. Il museo iracheno è stato gravemente danneggiato durante gli scontri bellici del 2003, e gran parte del suo patrimonio artistico è stato saccheggiato. Grazie però a un progetto tutto italiano, perlomeno una versione virtuale della celebre collezione delle opere tornerà a essere “aperta” al pubblico. Promotore dell’iniziativa è il Ministero degli Affari Esteri mentre il coordinamento delle operazioni sarà affidato al Consiglio Nazionale delle Ricerche in collaborazione con il Comando operativo di vertice interforze dello stato maggiore, le Università di Torino, di Udine, della Sapienza di Roma e molti altri enti. Il museo virtuale esporrà sia le opere ancora visibile e sia quelle perdute o danneggiate tra le quali i Leoni di Tell Armal e i pugnali d’oro e lapislazzuli del Cimitero di Ur. In un secondo tempo il museo virtuale verrà poi ampliato con l’aggiunta dei tesori iracheni esposti nei musei degli altri paesi.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore