Il networking non basta: la Cisco del 2009 passa per il data center

CloudServer

Sulla linea di montaggio anche un blade server

Un previsione è facile: una nuova versione della soluzione di comunicazione unificata. Un’altra previsione è quasi banale: attenzione all’efficienza energetica.

Ma la terza è per Cisco totalmente inaspettata: nei piani del prossimo anno c’è un blade server per data center. La strategia generale per Cisco alle prese con una dura recessione del mercato Ict passa per la trasformazione da vendor di sistemi di rete a fornitore a tutto spettro di architetture It. Intanto a breve la società sta cercando di spremere dal canale il massimo delle vendite possibile attraverso la sostituzione dei sistemi legacy di networking ancora operativi presso gli utenti.

Il sistema server in formato blade è atteso per il prossimo anno e porterà la società di John Chambers a scontrarsi direttamente con Hp e Ibm, i veri padroni del data center aziendale. Le fonti interne parlano già di un nome in nome in codice,California Server. Chi è a conoscenza del progetto scommette che Cisco non può restare lontana da un’occasione di mercato mettendo all’interno di un classico blade server per data center un pizzico di tecnologia sua propria

. Si parla di un’architettura x86 , di Linux come sistema operativo e di una parte della tecnologia dello switch Nexus 5000 , di recente introduzione. A livello software è scontata l’integrazione con l’ambiente Vmware tramite l’integrazione di software della linea Nexus. Sembra già pronto anche il nome per il marketing della nuova soluzione: unified computing.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore