Il Note 7 manda in fumo gli utili di Samsung

AziendeMercati e Finanza
AI, Samsung lancerà un assistente digitale su Galaxy S8
1 0 Non ci sono commenti

Samsung ha registrato una caduta verticale dei profitti operativi della divisione mobile, bruciati insieme al Note 7 esplosivo. Intanto prepara il Galaxy S8 con scanner dell’iride e design rinnovato

Samsung ha archiviato il terzo trimestre registrando un crollo del 96% dei profitti operativi della divisione mobile. Il Note 7 ha mandato in fumo gli utili dell’azienda sud-coreana, portandoli ai livelli di otto anni fa. La doppia campagna di richiamo, fino allo stop della produzione del Note 7, è costata molto, sia in termini finanziari che d’immagine: l’azienda ha segnato gli utili peggiori negli ultimi due anni, 4.5 miliardi di dollari di profitti operativi, in declino di circa il 30% anno su anno. Per rimediare, Samsung prenderà in esame un buyback azionario e il makeover in ambito corporate dell’hedge fund Elliott Management: il Co-Ceo J.K. Shin si è scusato a Seoul ed ha ammesso che l’azienda dovrà lavorare sodo per riguadagnare la fiducia.

Il Note 7 manda in fumo gli utili di Samsung
Samsung riporta solidi profitti

Il 48enne Jay Y. Lee, figlio del patriarca Lee Kun-hee, in ospedale in seguito ad un attacco cardiaco, ora assumerà maggiori responsabilità e un chiaro ed esplicito mandato nelle strategie aziendali.

Gli utili della divisione Mobile si sono polverizzato: in calo del 96%,hanno toccato gli 87.63 milioni di dollari, il livello più basso mai raggiunto dal quarto trimestre del 2008.
La vicenda del Note 7 ha anche eroso dello 0.1-0.2% il PIL della Sud Corea.

Secondo le ultime indiscrezioni pubblicate online da una serie di testate giornalistiche asiatiche, Samsung è già al lavoro sul Galaxy S8, il prossimo top di gamma con design completamente rinnovato e con lettore di impronte digitali basato su tecnologia ottica. S8 potrebbe essere annunciato al Mobile World Congress (Mwc 2017) di Barcellona. Avrà uno schermo senza bordi Super AMOLED da 5,5 pollici con risoluzione 4K (3840×2160 pixel) che coprirà circa l’80% della superficie dello smartphone e eliminerà il pulsante Home. Sotto la scocca ruggirà un chip Snapdragon 830/Exynos 8895, affiancato a 6 GB di RAM, una porta USB Type-C, scanner dell’iride, uno slot microSD per espandere lo spazio di archiviazione, oltre a una doppia fotocamera posteriore.

Whitepaper – Sei interessato ad approfondire l’argomento? Scarica il whitepaper: Siete in grado di garantire una mobile experience di qualità?

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore