Il nuovo multifunzione Océ Varioprint 2090 completa la famiglia di sitsemi VarioPrint

Stampanti e perifericheWorkspace

Potenza e semplicità per un sistema dedicato ad ambienti office e di produzione.

Océ, multinazionale olandese attiva nel mercato del printing e della gestione documentale, lancia sul mercato italiano il nuovo sistema multifunzione Océ VarioPrint 2090. Presentato in Italia in occasione di Inprinting 2003, il sistema multifunzione a foglio singolo VarioPrint 2090 è studiato per gestire grandi volumi di stampe in ambienti corporate e print service. Con una velocità che raggiunge le 85 pagine al minuto, VarioPrint 2090 è un vero multifunzione che consente di effettuare simultaneamente operazioni di acquisizione, stampa e finishing. Gli utenti possono eseguire le operazioni dal proprio desktop o direttamente dal pannello di controllo del sistema. VarioPrint 2090 è progettata per integrarsi nei flussi di lavoro e nelle infrastrutture IT già esistenti allinterno delle aziende. Gli utenti hanno il completo controllo dei processi di stampa direttamente dalla propria postazione, da cui un software intuitivo fornisce un agevole accesso al sistema. Tutte le operazioni possono essere eseguite in modo semplice grazie alla funzione green button Océ. Il digital mailbox permette agli utenti di archiviare i lavori di stampa e di proteggere documenti riservati con la digitazione di un codice PIN. La nuova VarioPrint 2090 ottimizza i flussi di lavoro documentale in particolare per quanto riguarda la produzione di documenti in automatico, con una velocità di stampa pari a 5.100 immagini allora. Le caratteristiche che aumentano la produttività sono il Multitasking, che offre la possibilità di effettuare simultaneamente scansione, stampa e finishing; quattro vassoi dotati di unavanzata tecnica di air separation, capaci di alimentare il sistema con grandi quantità di carta e supporti; stampa e duplicazione alla massima velocità nei formati A4 e A3 (Full-speed duplexing) e finishing compreso; Océ Copy Press che assicura uno standard qualitativo elevato già dalla prima stampa; il digital mailbox (che consente lidentificazione del lavoro svolto, larchiviazione, il PoD e la stampa di bozze); la rasterizzazione della coda di stampa; la programmazione del lavoro successivo (con la possibilità di stampare in modalità batch); la funzione di sub-set scanning (che consente il job-building, il mix-plex e gli inserti).

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore