Il nuovo Osservatorio Permanente del Politecnico di Milano: "Le ICT come leva strategica nelle PMI italiane".

Workspace

HP, Intel e Microsoft, promuovono un Osservatorio per comprendere le
esigenze di IT delle PMI e creare cultura sulla rilevanza strategica
delle nuove tecnologie.

Il nuovo Osservatorio, presentato dalla School of Management del Politecnico di Milano, e che vede la collaborazione di HP, Intel e Microsoft, ha come obbiettivi principali la valutazione della penetrazione dell’ICT tra le PMI italiane, per evidenziare lo stato dell’arte e le prospettive di sviluppo nelle diverse aree territoriali; la sensibilizzazione delle aziende sulla rilevanza strategica della tecnologia ai fini della loro sopravvivenza e del loro sviluppo; il supporto dei vendor nella definizione di strumenti e modalità di approccio che possano favorire gli investimenti ICT delle PMI. L’Osservatorio si propone di analizzare la diffusione delle tecnologie ICT su scala nazionale, partendo dallo studio delle diverse realtà locali presenti sul territorio. Le prime indagini sono state condotte sulle province di Bergamo e Como, e nel corso del 2004 la ricerca verrà estesa ad altre province italiane. Per quanto riguarda le realtà di Bergamo e Como, sono emerse alcune situazioni interessanti per ciò che riguarda il livello di penetrazione della tecnologia nelle piccole e medie imprese: tra le variabili osservate la sensibilità del top management sui temi relativi all’ICT, la presenza in azienda di un “pivot”, figura in grado di farsi portatrice delle istanze di innovazione tecnologica, le caratteristiche dell’infrastruttura informatica e il grado di maturità delle applicazioni in uso. Lo studio dell’Osservatorio ha messo in luce come in un buon numero di imprese, tra le più significative delle due province analizzate, stiano ormai maturando le condizioni organizzative e imprenditoriali affinché ci possa essere una reale gestione strategica dell’innovazione ICT. Diversa è la situazione nelle imprese più piccole, in cui molto spesso il vertice risulta poco sensibile e la funzione IT interna, laddove esista, si limita a svolgere un ruolo di supporto all’operatività dei sistemi. Relativamente alle applicazioni, mentre iniziano ad essere diffusi applicativi tradizionali, anche integrati, risultano ancora poco utilizzate le applicazioni Internet, fatta eccezione per alcuni interessanti progetti b2b a supporto dell’integrazione degli attori nella filiera. Dal punto di vista della scelta del fornitore esterno a cui rivolgersi, emerge un quadro caratterizzato da elevata frammentazione: le aziende tendono ad avere tanti interlocutori quante sono le esigenze IT da risolvere. In particolare, HP promuove le attività dell’Osservatorio nel quadro della strategia Smart Office, attualmente alla sua seconda fase, che mette a disposizione delle PMI competenze, soluzioni e servizi per soddisfare le esigenze specifiche di ciascuna realtà di business. Lanciata a livello mondiale nel settembre 2003, questa strategia è sostenuta da un investimento complessivo di 750 milioni di dollari in progetti di ricerca e sviluppo, programmi di marketing e supporto alle vendite.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore