Il P2p non conosce sosta in Gran Bretagna

CyberwarSicurezza

Il Digital Music Survey 2007 fotografa una crescita inarrestabile del file
sharing illegale nel Regno Unito

Il Digital Music Survey 2007 , a firma dell’Entertainment Media Research e condotto su un campione di 1700 utenti, dimostra ancora una volta che il Peer to peer è senza freni. In Gran Bretagna il file sharing illegale non conosce sosta: il download illecito di brani riguarda il 43% degli intervistati, contro il 40% del 2005 e il 36% del 2006. L’aumento del P2p illegale in Gran Bretagna è in aumento: i timori di denunce che avevano fatto calare la crescita l’anno scorso, sono già stati fugati. La ripresa c’è e si vede: anzi i l 18% scarica ancora più brani di prima, contro l’8% di impavidi pirati del 2006. Infine l’84% se la prende contro i costi troppo alti dei vecchi titoli: un abbassamento dei prezzi potrebbe essere compensato da prezzi più alti delle novità musicali. La pensa così il 48%. Da parte sua l’industria discografica britannica vuole continuare nella crociata anti file sharing illegale e proseguire a denunciare i pirati senza scrupoli.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore