Il Padiglione Cina a Expo 2015

AziendeMercati e Finanza
Le relazioni tra la città di Milano ed Expo2015 viste dagli studenti di NABA
4 3 Non ci sono commenti

SLIDESHOW – La filosofia cinese, secondo cui “l’uomo è parte integrante della natura”, esprime l’atteggiamento di gratitudine, di rispetto e di cooperazione del popolo. A questi principi s’ispira il Padiglione della Cina a Expo 2015

Visitato dal celebre pianista cinese Lang Lang, il Padiglione della Cina ad Expo Milano 2015, partecipa all’Esposizione Universale con il tema “Terra di speranza, cibo p

Padiglione della Cina a Expo 2015
Padiglione della Cina a Expo 2015

er la vita”. La filosofia cinese, secondo cui “l’uomo è parte integrante della natura”, esprime l’atteggiamento di gratitudine, di rispetto e di cooperazione del popolo: la terra nutre l’uomo dalle origini, la speranza è la prospettiva di un futuro in cui il cibo sostenga la vita di tutti.

Il Padiglione della Cina, che incarna le forme di un paesaggio naturale, trasfuso e armonizzato in uno skyline urbano, è frutto dell’elaborazione di un consorzio fra la Tsinghua University e il Beijing Qingshang Environmental & Architectural Design Institute.

La Cina, seconda economia mondiale, partecipa ad Expo 2015 con un padiglione self-built, in cui riso e grano sono collocati in spazi ispirati all’architettura tradizionale cinese e in aree espositive (che prendono il nome di “Cielo”, “Terra”, “Uomo” e “Armonia”).

Eliminare le pareti, ha permesso di rinunciare alla climatizzazione, in linea con le ristrettezze sul budget e “con l’attuale tendenza del design di ridurre al minimo i consumi”. Non avere pareti ha anche consentito “di terminare l’edificio in tempi rapidi e di rispettare abbondantemente i tempi previsti”.

La multinazionale cinese Vanke ha affidato la costruzione del padiglione per Expo 2015 all’archistar internazionale Daniel Libeskind: si ispira alla coda di un drago, rivestito a squame, realizzate con materiale ecosostenibile. La luce solare attiva il sistema tecnologico che evita che la polvere aderisca alla superficie, per essere lavata via dalla pioggia. La società Vanke metterà all’asta le 4.000 mattonelle che costituiscono le squame di rivestimento, per un progetto di crowdfunding, volto a rinnovare l’area intorno al Guangrenwang Temple, il tempio taoista dei cinque draghi nella provincia dello Shanxi, in Cina.

– Come è coinvolto il mondo tecnologico in Expo 2015? Prova a rispondere al nostro quiz!

Il Padiglione Cina a Expo 2015

Image 1 of 6

Il Padiglione Vanke a Expo 2015

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore