Il padre di WikiLeaks ricercato

Autorità e normativeAziendeMarketingMercati e FinanzaNormativa

Il sito WikiLeaks.oirg è al centro di un intrigo a stelle e strisce: ecco sa sta succedendo

Diventa un “most wanted” il padre di WikiLeaks, super ricercato dal Pentagono. Julian Assange, fondatore del sito Internet Wikileaks, potrebbe infatti mettere online migliaia di File Top secret, mettendo nei guai i poteri forti di Washington.

I file super sereti conterrebbero analisi, opinioni riservate e strategie degli Stati Uniti sull’intera regione mediorientale, ottenuto da un militare, Bradley Manning, accusato di aver scaricato dai Pc governativi 260 mila fascicoli riservati del Dipartimento di Stato, per trasmetterli proprio al fondatore di Wikileaks per pubblicarli.

Lo scorso inverno WikiLeaks versasa in difficoltà economiche: aveva sospeso il servizio, per segnalare la mancanza di fondi, per poi riaprirlo. Wikileaks.org permette di pubblicare documenti scottanti sotto anonimato: tramite questo sito è stato rivelato il Rapporto Caio, sul Digital divide italiano, e l’attacco di un elicottero americano a Bagdad in cui vennero uccisi 12 civili, tra cui due dipendenti dell’agenzia Reuters. A denunciare Manning è stato l’ex hacker Adrian Lamo.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore