Il passa-parola su Twitter fa fallire una banca

Aziende

Succede in Olanda dove si è verificato il primo crac nell’era del Web 2.0. Il default di una banca è stato causato dal un incontrollato chiacchiericcio ai danni di un istituto bancario, apparso sul servizio di micro-blogging da 140 caratteri

Twitter è stato valutato un miliardo di dollari (senza aver mai presentato utili, fatturato, Ebidta eccetera), ma è responsabile del primo crac nell’era Web 2. 0.

E’ successo in Olanda dove si è verificato il crac per le insinuazioni delle associazioni consumatori sull’affidabilità di un piccolo istituto di mutui (Dsb). Il default della banca è stato causato da un incontrollato chiacchiericcio apparso sul servizio di micro-blogging da 140 caratteri.

I dubbi sulla solidità della banca, passati per il megafono del social network, hanno provocato code agli sportelli. Dopo il caso Fortis, l’Olanda non sa più neanche a che “santo” votarsi. A Twitter, no di certo.

Leggi: La Rete non è mai stata tanto politica: i casi Iran e Cina

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore