Il patto Microsoft-Novell sotto la lente

Aziende

Dalla Sec emergono dettagli sullo storico accordo con l’azienda Open source.
I promotori di Linux vanno alla ricerca delle violazioni della Gpl

Finalmente Novell ha reso noti i dettagli dell’accordo con Microsoft. Finora sapevamo che Novell ha acquisito 40mila nuove licenze per il proprio ambiente SuSe. Microsoft ha invece aperto un nuovo canale per vendere la propria offerta software blindata dal copyright. I clienti acquisiti nell’ambito di quest’accordo sono protetti da azioni legali sui brevetti, ma la stessa Novell potrebbe essere perseguita: secondo Bruce Perens, padre dell’Open source, l’accordo a prima vista non sembra fornire un ombrello protettivo completo agli utenti Linux. OpenOffice.org è escluso esplicitamente. Microsoft investiràcentinaia di milioni di dollari sui costi di licenza e vendite e marketing in cinque anni, inclusi 240 milioni di dollari realtivi ai certificati di abbonamento a SUSE Linux Enterprise Server. Novell non accetta alcuna rivendicazione sui brevetti di Microsoft. Infine per Novell Microsoft è stata una miniera d’oro: “Abbiamo visto una crescita del 60% di SUSE anno su anno“.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore