Il phishing non rispetta nessuno

Sicurezza

Un truffatore senza coscienza clona il sito dell’Associazione Italiana contro
le Leucemie.

Questa volta si direbbe proprio che si sia passato il segno. Un nuovo caso di phishing, ovvero il tentativo di procurarsi con l’inganno i dati della carta di credito di ignari utenti, è stato perpetrato usando come esca un finto sito dell’Associazione Italiana contro le Leucemie. Le nuove versioni dei browser Internet Explorer 7 e FireFox 2 sono in grado di riconoscere l’inganno grazie ai loro filtri, ma con gli altri browser la truffa può riuscire alla perfezione e vi potreste trovare in una pagina del tutto identica a quella dall’associazione ONLUS. Potreste anche fare un versamento che però andrebbe a rimpinguare le tasche dei truffatori. L’esca è in questo caso una falsa lettera dell’associazione inviata per posta elettronica e ricavata da un vero messaggio usato dall’AIL per chiedere contributi. Fate attenzione!

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore