Il primo smartphone Project Tango nei labs di Lenovo

Mobile OsMobility
5 1 Non ci sono commenti

CES 2016 – Lenovo sviluppa come OEM con Google il primo smartphone abilitato per Project Tango

A CES 2016 Lenovo ha annunciato di lavorare come OEM allo sviluppo del primo dispositivo mobile Project Tango. Ne abbiamo già parlato su ITespresso, se ne parla da maggio non dell’anno scorso, ma addirittura del 2014. Ora ci siamo, quasi. In pratica Project Tango, nelle intenzioni di Google è la ‘reinvenzione’ del modo di leggere le informazioni in mobilità, perché il dispositivo mobile è in grado di navigare l’ambiente fisico come farebbe un essere umano. Mentre gli sviluppatori sono invitati a sottoporre nuove app per Project Tango, lenovo sta lavorando al device con Google. Project Tango arriverà nell’estate del 2016, per comprende meglio in che cosa consiste facciamo un semplice esempio: pensate di poter puntare un qualsiasi oggetto nello spazio con la vostra fotocamera sullo smartphone e di ricavare immediatamente tutte le quote di quell’oggetto!

Lenovo Project Tango
Lenovo Project Tango

E’ un esempio da poco, ma importante per comprendere appieno la rivoluzione in atto. Così come è un buon esempio pensare a un device al servizio della realtà aumentata. Ora Lenovo e Google sono nella fase di ottimizzazione software e hardware, cioè lavorano sulla piattaforma tecnologica che utilizza un computer vision avanzata, sensori di profondità, rilevatori di movimento per creare un’esperienza di visione in 3D e esplorare con il dispositivo l’ambiente fisico. Il software deve essere in grado di reagire con la massima fluidità e velocità al movimento dell’utente nello spazio, quando punta un oggetto o anche semplicemente lo spazio stradale, oppure pensate a quanti giochi si potrebbero creare in cui lo spazio che ogni singolo giocatore ha intorno a sé diventa l’ambiente per un livello di un gioco, del tutto personalizzato.

E’ facile comprendere come il rilevamento GPS sia una sola delle dimensioni possibili, a livello teorico si potrebbe arrivare a mappare con disinvoltura anche gli ambienti privati e staremo a vedere come Google saprà affrontare la gestione di questi dati, mentre di sicuro già gongolano gli arredatori e i geometri , che con le nuove tecnologie Project Tango risparmieranno del gran tempo nei rilievi immobiliari. Lenovo, come Google, spinge sullo sviluppo di app, e ha creato un incubatore che permetterà ai migliori di vedere la propria app integrata negli smartphone Lenovo. E chi vuole cimentarsi può acquistare anche Project Tango Tablet Development Kit su Google Store (al momento non è ancora disponibile però).

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore