Il primo record di Facebook a 45 dollari

AziendeMarketingSocial media
Mark Zuckerberg: Dopo l'IPO, è stato un anno "estremamente turbolento", ma ci ha rafforzato
2 0 Non ci sono commenti

Dopo aver recuperato il valore perduto nel flop dell’IPO, Facebook mette a segno il suo primo record. FTC indagherà in merito alla funzionalità di riconoscimento facciale

Facebook ieri ha toccato i 45 dollari per azione, oltre i 38 dollari della quotazione a Wall Street. Si tratta del primo record di Facebook, dopo un anno travagliato, in seguito al flop dell’IPO. Poche settimane fa il social network di Menlo Park aveva recuperato il valore perduto nell’IPOcalypse, ma adesso, dopo aver dimostrato di essere un’azienda Mobile, in grado di capitalizzare la popolarità nel Mobile e di potersi espandere in altre aree di business, si è messa a correre. Adesso l’azienda fondata dal 29enne Ceo Mark Zuckerberg vale 106 miliardi di dollari, una cifra da capogiro visto che la S-economy è immateriale.

Facebook ha dimostrato anche di saper valorizzare Instagram, il social network mobile di foto-condivisione che ha toccato quota 150 milioni di utenti (soprattutto giovani) e presto introdurrà la pubblicità. Facebook conta 1,15  miliardi di utenti: il Mobile ha registrato il 41% del fatturato advertising nel secondo trimestre, in sensibile crescita rispetto al 30% del precedente periodo. I ricavi del mobile advertising sono cresciuti del 75% nel secondo trimestre. Il fatturato da wireless è destinato a sorpassare i ricavi da desktop. Le vendite sono salite del 53%.

Alla TechCrunch Disrupt conference di San Francisco, Mark Zuckerberg ha definito il primo anno in Borsa “estremamente turbolento”, ma è stato un processo che ha rafforzato l’azienda (e reso saldi i nervi dei manager, immaginato). Zucjerberg ha criticato il governo Obama per la gestione del caso NSA (National Security Agency). Insieme ad altre aziende ha chiesto a Foreign Intelligence Surveillance Court (FISC) il permisso di pubblicare più dettagli sulle tipologie di ordini di sicurezza nazionale che si ricevono da parte del governo.

Infine Federal Trade Commission (FTC) indagherà in merito alla funzionalità di riconoscimento facciale su Facebook, per stabilire se le modifiche alla policy del 29 agosto hanno determinato violazioni agli accordi del 2011. Il social network ha appena finalizzato la class-action da 20 milioni di dollari.

Mark Zuckerberg: Dopo l'IPO, è stato un anno "estremamente turbolento", ma ci ha rafforzato
Mark Zuckerberg: Dopo l’IPO, è stato un anno “estremamente turbolento”, ma ci ha rafforzato
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore