Rapporto Truffle Europe 100 fotografa le prime cento software house europee

AziendeMarketingMercati e FinanzaWorkspace

Il rapporto Truffle Europe 100 illustra il settore europeo del software, una forza su cui fare conto. Le italiane fanno il loro ingresso in classifica

La settima edizione di Truffle 100 stila la classifica delle prime cento software house europee. Da Truffle 100 Europe emerge che le società visto una contrazione dell’incremento del fatturato del 12 per cento. Ai primi tre posti rimangono: SAP, Dassault Systems e SAGE. Wincor Nixdorf sale al quarto posto , mentre Software AG scende al sesto. La britannica Autonomy , acquisita un anno fa da HP , esce dalla classifica delle software house indipendenti. Tra le italiane fanno il loro ingresso in classifica: Zucchetti al 32.mo posto, Reply al 37.mo e il Gruppo Engineering al 74.mo.

Il rapporto Truffle 100 indica che il settore europeo del software rimane una forza su cui fare conto, nonostante le attuali difficoltà economiche. Ora più che mai l’Europa dipende dai settori innovativi per essere competitiva. La Commissione ha condotto di recente un’indagine su alcune della società europee che investono di più in Ricerca e Sviluppo. Queste hanno indicato che si espettano di aumentare questi investimenti a un tasso annuo del 4 per cento nel periodo 2012- 2014. Il principale settore di questo gruppo è rappresentato dalla società di software e di servizi IT che investiranno l’11 per cento in più su base annua. Un risultato importante per la crescita di nuovi posti di lavoro. Nel nuovo programma per la ricerca e l’innovazione della Commissione per i periodo 2014-2020, abbiamo proposto un budget di 80 miliardi di euro per R&D e innovazione”, ha affermato Máire Geoghegan-Quinn, European Commissioner for Research, Innovation and Science.

Analizzando i dati sotto il profilo tecnico, si sviscerano alcuni scenari in atto: “L’industria europea del software è sottoposta a processi di globalizzazione e specializzazione. Questo due aspetti sono collegati per gli ISV europei ,dato che un alto grado di specializzazione è necessario per una competitività globale. Gli ISV europei hanno un punto di forza particolare nelle applicazioni di business, di tipo ingegneristico e specifiche per area industriale . Questi settori continueranno ad essere il punto di forza delle imprese europee del software“ ha sottolineato Bo Lykkegaard, research analyst di IDC.

L’elenco di Truffle 100 Europe è stato compilato con il supporto di Neelie Kroes , Commissario Europeo per l’Agenda Digitale , in collaborazione con gli analisti di IDC e del CXP Group, che hanno analizzato i risultati della Top 100.

Truffle illustra le cento software hoiuse europee
Truffle illustra le cento software hoiuse europee
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore