Il super televisore

CloudServer

Gli schermi piatti si stanno diffondendo molto rapidamente anche tra i televisori, grazie ai prezzi sempre più abbordabili e al miglioramento della qualità delle immagini, ottenuto con l’utilizzo delle nuove tecnologie al plasma e a cristalli liquidi

Il televisore è sicuramente l’elettrodomestico più diffuso nelle case, e la sua evoluzione tecnologica, nel corso degli ultimi anni, è stata assai veloce. Basti pensare che in Italia circa venticinque anni fa facevano la loro prima comparsa gli apparecchi a colori. Allora la qualità ad esser sinceri lasciava molto a desiderare, e le prime immagini a colori avevano grandi limiti. Oggi, non solo i colori sono fedeli alla realtà, ma il comparto non è più in mano alla tecnologia del tubo catodico, che per tutto questo tempo ha regnato incontrastata. Le nuove tecnologie adottate in campo televisivo si chiamano cristalli liquidi (Lcd) e plasma, innovazioni che hanno permesso di ridurre notevolmente l’ingombro del televisore, fino ad arrivare a pochi centimetri di spessore. Nulla a che vedere con il tubo catodico. Un televisore al plasma o Lcd può tranquillamente essere appeso al muro e occupare lo spazio di un quadro, grande a seconda delle dimensioni dello schermo. L’ingombro ridotto è sicuramente il punto di maggior forza delle nuove tecnologie. Una caratteristica che sembra stia conquistando anche il mercato, tanto che gli esperti ritengono che gli schermi piatti televisivi Lcd (Liquid crystal display) e quelli al plasma possano in breve tempo sostituire completamente i vecchi apparecchi con tubo catodico. Grazie a un costante e rapidissimo miglioramento della qualità delle immagini e al ribassamento dei prezzi che hanno consentito a un pubblico più vasto di avvicinarsi a tali prodotti. Secondo i dati rilevati da diversi analisti, le previsioni di crescita saranno confermate nei prossimi anni. Per la società di ricerca americana iSuppli Stanford Resources, il mercato mondiale dei televisori a cristalli liquidi è cresciuto del 23% nell’ultimo trimestre 2003, arrivando a registrare circa 1,3 milioni di pezzi venduti. Questa impennata è stata favorita non solo dal crescente interesse del consumatore verso questi prodotti, ma anche dalla disponiblità dei pannelli Lcd, che nei mesi precedenti avevano subito un forte shortage sul mercato mondiale. In un recente rapporto stilato dagli analisti di Idc, viene confermata la tendenza al rialzo. La crescente richiesta di Lcd Tv guiderà l’incremento delle vendite di pannelli Lcd nel periodo 2004-2007. Secondo Idc, l’intero segmento, che comprende anche gli schermi usati per i computer portatili e i monitor per Pc, dovrebbe avere nel periodo un tasso di crescita annuale (Cagr) del 15%, arrivando a toccare un fatturato di 42 miliardi di dollari nel 2007, a fronte dei 24 miliardi registrati nel 2003. Nel 2007, precisa il rapporto, il 43% degli Lcd Tv sarà rappresentato da schermi di dimensioni superiori ai 30 pollici, con un incremento del 4% rispetto all’anno passato, grazie all’introduzione delle nuove generazioni di Tv Lcd. Anche i televisori al plasma dovrebbero crescere nel tempo, seppure probabilmente più concentrati su schermi di grandissime dimensioni.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore