Il taglio Ue delle tariffe roaming è ufficiale

Mobility

I ministri dell’Unione europea hanno adottato le norme per ridurre i costi
delle chiamate dall’estero tra i 27 paesi membri: tuttavia c’è chi teme un
rialzo delle tariffe nazionali

La presidenza di turno tedesca della Ue ha riferito che il taglio Ue delle tariffe roaming è ormai ufficiale: è stato firmato anche l’accordo formale fra ministri, che hanno adottato le norme per ridurre i costi delle chiamate dall’estero tra i 27 Paesi membri. Le norme dovrebbero entrare in vigore entro la fine del mese.La tariffa massima al minuto per telefonare all’interno dei Paesi UE, sarà di 0,49 euro (contro gli attuali 1,15 euro); per ricevere sarà di 0,24 euro. Poi la riduzione sarà progressiva .Per le vacanze estive gli europei potrebbero finalmente risparmiare sulle chiamate: ma c’è chi teme che il taglio del roaming possa avere effetti negativi sulle tariffe nazionali. Il pericolo è in agguato, se anche il Commissario per la Società dell’Informazione e i Media Viviane Reding si è rivolta agli operatori mobili, affinché non si lascino cadere nella tentazione di rialzare le tariffe nazionali. Reding ha affermato: “Trovo tutto ciò difficile da credere, visto che la concorrenza tra gli operatori è basata sul mercato nazionale e un rialzo dei prezzi nazionali vuol dire autoescludersi dal mercato“.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore