Il telelavoro è in crisi?

Network

Il Ministro per lInnovazione e la Tecnologia ha sostenuto che il ricorso al telelavoro può costituire un valido antidoto allinquinamento in città.

Di Michele Iaselli Milano – Il Ministro per lInnovazione e la Tecnologia Lucio Stanca ha sostenuto che il ricorso al telelavoro, opportunamente incentivato attraverso bonus fiscali, può costituire un valido antidoto allinquinamento che in città come Milano viene prodotto dai pendolari che ogni giorno raggiungono il centro della città. Il Ministro ha, quindi, annunciato la costituzione di un gruppo di lavoro a Milano sul problema smog. Il gruppo di lavoro è costituito dal Ministero, dal comune di Milano e in particolare dallassessorato allInnovazione, da Assolombarda e dal Politecnico per studiare la fattibilità del progetto telelavoro, individuando bonus fiscali o centri direzionali fuori città. Purtroppo nonostante gli sforzi del Governo e gli interventi legislativi in materia, il telelavoro non riesce a decollare sia nel settore pubblico che in quello privato. E proprio per questo motivo che il nuovo Ministero per lInnovazione e la Tecnologia sta studiando di incentivare questa particolare forma di lavoro ricorrendo anche ad eventuali bonus fiscali e cercando di far leva su argomenti particolarmente delicati come lo smog per attirare la pubblica opinione forse poco interessata alla problematica. [STUDIOCELENTANO.IT]

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore