Il titolo Oracle sorride al mercato

Workspace

L’acquisizione di Siebel ha scatenato la reazione degli analisti finanziari che hanno smorzato i toni su un impatto negativo sul rating

Il titolo Oracle è sull’altalena dopo l’annuncio dell’acquisizione di Siebel Systems. Dopo una prima reazione negativa il titolo della società quotata al Nasdaq, che aveva segnato una caduta di quasi tre punti percentuali all’apertura ufficiale del mercato, ha poi reagito recuperando un punto percentuale circa. Boom della società acquisita il cui titolo ha beneficiato di 13 punti in più dopo l’offerta del colosso di San Diego. L’operazione di acquisizione (si veda la notizia nell’archivio Vnunet ) ha portato uno scossone nel mercato: per Oracle si tratta della settima acquisizione dopo la travagliata acquisizione di PeopleSoft e l’attesa incessante del parere dell’Antitrust. Si può pensare che queste operazioni portino il colosso capitanato da Larry Ellison a un’estensione nel settore del servizio clienti, da più parti osannato come particolarmente appetibile. In ogni caso, oggi, le dichiarazioni degli analisti, all’indomani dell’operazione finanziaria, non si sono fatte attendere. Standard & Poor, per esempio, ha smorzato i toni su un eventuale impatto negativo sul rating. Scrive infatti TradingLab: “Secondo S&P, Oracle possiede un’adeguata flessibilità finanziaria per portare avanti l’operazione con le risorse disponibili senza inficiare la sua attuale solidità finanziaria. Oracle dovrebbe generare quest’anno un free cash flow superiore a 3 miliardi di dollari e dispone inoltre di cassa per 4,8 miliardi di dollari”. Un ultimo quesito doveroso dopo ogni operazione finanziaria: Cosa succederà ai clienti dell’azienda acquisita?

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore