Il virus per le chiavette USB si chiama Silly ma non è sciocco

Sicurezza

L’ultima minaccia informatica utilizza le periferiche di memorizzazione per
diffondersi.

Il virus Silly, individuato da Sophos, usa una tecnica originale per replicarsi: le chiavette USB e qualsiasi altra periferica rimovibile che abbia capacità di archiviazione. Si nasconde nel file Autorun.inf che ne consente l’esecuzione ad ogni inserimento della memoria. Se il computer ospite non è infetto il virus si replica e interviene su Interner Explorer togliendo tutte le protezioni alla navigazione in Rete, cambiando il registro di sistema e bloccandone l’accesso. Se siete infetti la barra del titolo di Internet Explorer riporta la scritta “Hacked by 1BYTE”.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore