Il VoIp è in panne?

Workspace

La telefonia su Internet sembra in difficoltà: eBay fa i conti in tasca a
Skype e rivede l’accordo al ribasso; una ricerca indica il VoIp come tecnologia
di nicchia e un hacker sostiene che è insicuro

Skype non vale tanto oro quanto luccica: lo ha fatto intuire eBay rivedendo la cifra d’acquisto. Al ribasso. eBay ha svalutato Skype, ammettendo implicitamente di avere sovrastimato il business della telefonia su protocollo Ip. Dai 2,6 miliardi di dollari del prezzo di acquisto, oggi Skype ne vale poco più della metà. Skype non è stato un acquisto redditizio? eBay è delusa: il sito di aste online ha annunciato il pagamento di 530 milioni di dollari agli azionisti di Skype: ma per perfezionare l’acquisizione, avrebbe dovuto sborsare 1,7 miliardi. Lo “sconto” è dovuto alle performance non troppo brillanti degli ultimi tre mesi: Skype è sì cresciuta, ma ha generato solo 90 milioni di dollari di fatturato nell’ultimo trimestre. Inoltre il VoIp non sfonda : la tecnologia non è ancora per tutti, secondo uno studio di Telesurvey, solo un intervistato su due in Italia conosce e sa dare una definizione corretta del Voice over Ip. Negli Stati Uniti il VoIp di Vonage naviga in cattive acque a Wall Street, crollato da 17 a un dollaro, in rosso per 34 milioni di dollari. Infine un hacker 23enne dello stato di Washington, condannato a passare due anni nelle prigioni federali degli Stati Uniti, ha dichiarato che crackare i servizi di VoIP è facilissimo . Insomma, il VoIp ha passato giorni migliori: l’impasse è congiunturale o la telefonia su Internet è davvero in panne? Le uniche buone nuove per il VoIp sembrano giungere dall’Italia, dove la Finanziaria obbligherà la Pa a usare la telefonia su Internet.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore