Il vulcano islandese Eyjafjallajökull colpito dallo spam

CyberwarMarketingSicurezza

G Data avverte: L’eruzione del vulcano islandese Eyjafjallajökull è nel mirino di spam o posta spazzatura

Lo spam o junk e-mail sposa il “social engineering”. Se oggi tutti non parlano d’altro che dell’eruzione del vulcano islandese Eyjafjallajökull, che ha messo in ginocchio i voli aerei dell’Europa, anche il cyber-crime approfitta dell’allarmismo mediatico.

G Data avverte che il vulcano islandese Eyjafjallajökull è nel mirino dello spam. Lo scopo dei cyber criminali, per il momento, è quello di indirizzare gli utenti su negozi di farmaci online, ma non è affatto escluso che questa tipologia di spam possa modificarsi per diffondere malware, piuttosto che per lanciare attacchi di phishing. È dunque opportuno prestare particolari attenzione a questo tipo di mail, soprattutto se provengono da mittenti sconosciuti che magari, per solleticare la nostra curiosità, promettono nuove foto o filmati esclusivi dell’eruzione. E-mail di spam potrebbero proporre di informare gli utenti sulla disponibilità di voli aerei indirizzandoli su falsi siti internet delle varie compagnie o degli aeroporti.

G Data: occhio allo spam legato all'eruzione
G Data: occhio allo spam legato all
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore