Il Web 2.0 sbarca all’Accademia di Belle Arti di Carrara

FormazioneManagement

Gli studenti della Scuola di Nuove Tecnologie dell’Arte dell’Accademia di Belle Arti di Carrara possono sperimentare e-learning, Web 2.0, arte dei nuovi media nell’era del social network e della condivisione video

Prima di YouTube, alla Scuola di Nuove Tecnologie dell’Arte dell’Accademia di Carrara era stata attrezzata una Sala di Regia collegata a una Sala di Ripresa, che funge da set televisivo per la produzione di audiovisivi, in seguito riportati sulla Telestreet e sulla web TV della Scuola il cui nome è VTTV (Virtual Town TeleVision). Agli esordi di Wikipedia Tommaso Tozzi realizzava Wikiartpedia , un’enciclopedia on-line sull’Arte delle reti e le culture digitali che al momento contiene alcune migliaia di voci.

Da un anno le aule sono tutte attrezzate con videoproiettori e i computer sono collegati in rete sia fissa che wi-fi. Gli studenti possono disporre in aula anche del proprio portatile collegandolo alla rete fissa o al wi-fi. Gli studenti

hanno a disposizione per lo studio e l’incontro uno Spazio polivalente all’interno del quale possono confrontare le proprie esperienze arricchendosi reciprocamente, leggere i libri di una biblioteca specializzata nelle arti multimediali. In questo spazio vengono anche organizzati eventi, conferenze o installazioni multimediali.

Da tempo una parte della didattica sta sperimentando delle forme di didattica on-line con piattaforme e-learning come Lynxs, Moodle, Typo 3 e Second Life.

Gli studenti iscritti alla Scuola di Nuove Tecnologie dell’Arte sono attualmente circa 150 e pagano una retta annuale di circa 500 euro. Le parole chiave della Scuola sono termini come relazione, cooperazione, interdisciplinareità,

interazione, intercreatività, oppure comunicazione. Anche all’insegna del Web 2.0 e del fenomeno dei social network e video condivisione. La Scuola comprende il corso di laurea triennale di primo livello in Arti Multimediali, il corso di laurea specialistico biennale di secondo livello in Net Art e Culture Digitali, e il Centro di Ricerca e Documentazione sull’Arte delle Reti e le Culture Digitali (UCAN). La Scuola di Nuove Tecnologie dell’Arte dell’Accademia di Belle Arti di Carrara, nata nel 1999, ha l’obiettivo di formare un artista capace di proporre soluzioni innovative e originali nel settore delle arti multimediali digitali e di gestire il processo di sviluppo di un progetto nei diversi settori artistici e professionali. Sono affrontati i diversi momenti di ricerca dall’area della storia dell’arte contemporanea, a quella dei linguaggi multimediali, delle discipline della comunicazione, delle analisi dei processi comunicativi, della progettazione multimediale, delle culture digitali, dei sistemi interattivi e delle tecniche e dei linguaggi audiovisivi. La Scuola di Nuove Tecnologie dell’Arte si propone inoltre di contribuire a formare delle figure professionali competenti e specializzate nel partecipare alla progettazione e creazione di comunità virtuali orientate a favorire lo scambio e la trasmissione della conoscenza e dei saperi universali negli ambiti più

disparati, apportando a tali progetti una sensibilità e creatività che non viene prevista in altri ambiti diciplinari.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore