Il Web si apre a chi ha problemi di apprendimento

NetworkProvider e servizi Internet

Un nuovo software che rende accessibili i siti a persone con difficoltà
nell’apprendimento sarà in vendita verso la fine di quest’anno.

Il sistema, che si chiama Communicate Webwise, converte automaticamente le informazioni contenute sulle pagine web in simboli o testo semplice. Lo sviluppatore, Widgit Software, afferma che il sistema è in grado di processare la maggior parte delle pagine web, eccettuate quelle che contengono complessi componenti java o flash. Il Webwise utilizza il proprio sistema simbolico Rebus, ma può essere reso compatibile con altri sistemi equivalenti. Sviluppato negli Stati Uniti negli anni ’60, Rebus è un sistema simbolico di supporto per lo sviluppo di un linguaggio per persone con medi o gravi deficit nell’apprendimento. Widgit, che ha sviluppato il sistema per il software dei computer, afferma che la complessità di molti siti può creare grossi problemi di accesso alle persone con difficoltà di apprendimento: tale complessità viene ridotta da Webwise, che presenta le informazioni in forma di simboli, testo semplice con qualsiasi dimensione di carattere o linguaggio parlato. I link sono caratterizzati dallo stesso colore specifico per facilitare la navigazione. Chris Hopkins, consulente didattico che ha lavorato al sistema di Widgit spiega che quest’ultimo «è rivolto alle persone che altrimenti non potrebbero accedere ad internet perché non sono in grado di comprendere il testo». Dato che l’organizzazione delle pagine che visitano è così complessa, queste persone spesso non trovano quello che cercano». Webwise funziona in due modi per chi ha problemi di apprendimento. Le persone che non sono in grado di leggere riescono ad accedere alle informazioni grazie ai simboli, mentre per coloro che hanno già qualche conoscenza del testo, i simboli servono da reminder per parole non immediatamente riconoscibili. Il software è stato presentato a Londra, in occasione dello Special Needs Fringe, esposizione di tecnologia per l’assistenza nell’insegnamento. Dovrebbe costare intorno alle 70 sterline.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore