Ilm+grid=Riss

Aziende

L’architettura "storage grid" della soluzione RISS di Hp ripartisce
storage, ricerca e recupero su una serie di nodi di calcolo specifici,
chiamati "smart cell" storage

Information Lifecycle Management e grid computing: Hp ha coniugato le due hit tecnologiche dell’anno nella soluzione storage presentata allo scorso Ensa@Work di Monaco. Si tratta di HP StorageWorks Riss (Reference Information Storage System), soluzione studiata per rispondere alle sempre più diffuse normative in materia di trattamento e conservazione dei dati. Il sistema è basato sull’architettura “storage grid” che renderà possibile distribuire i servizi di informazione e adattare gli ambienti storage alle mutate esigenze di business. L’architettura “storage grid” della soluzione RISS ripartisce storage, ricerca e recupero su una serie di nodi di calcolo specifici, chiamati “smart cell” storage. Ciascuna di queste smart cell si compone di un dispositivo a basso costo ed elevata densità per il calcolo e dello storage integrato. Le smart cell sono completamente indipendenti grazie a un layer dedicato a processore, engine di ricerca, database, indici e gestione. Frutto dell’esperienza cumulata con l’acquisizione di Persist Technologies, la nuova soluzione si inserisce nel portafoglio di soluzioni Ilm di Hp. E dato che lo sviluppo di soluzioni realizzate dai partner è una componente fondamentale della strategia Ilm di Hp, l’azienda ha esteso il proprio programma di partner in quest’area, comprendono società come Adic, CaminoSoft, Grau Data Storage, Orchestria, Pegasus Disk Technologies e Princeton Softech. L’architettura di Riss può essere estesa a molte applicazioni grazie al successivo rilascio di un Sdk (Software Development Kit) per Riss che si avvale di standard aperti per la rapida integrazione con le applicazioni enterprise e le tipologie di dati attuali. I servizi comprendono progettazione hardware e software, consulenza sulle policy di conservazione dei dati e sulle business rule, integrazione all’interno degli ambienti di messaging attualmente utilizzati dai clienti e capacità di importazione dei documenti legacy.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore