Imprivata gestisce le password sanitarie

Sicurezza

L’integrazione con la smart card NHS Connecting for Health consente la
gestione delle password e offre una maggiore sicurezza grazie al single sign-on

L’azienda specializzata nelle appliance per l’access management e l’autenticazione enterprise Imprivata, ha reso noto che la propria soluzione OneSign supporta l’integrazione con le smart card rilasciate dal programma NHS Connecting for Health. Il programma nazionale IT di Connecting for Health fornirà a medici, infermieri e consulenti una serie di applicazioni centralizzate per gestire le cartelle cliniche dei pazienti, le visite e i dettagli delle prescrizioni, oltre a implementare una rete nazionale ad alta velocità per collegare i Trust NHS a questi dati. Tuttavia, gli enti dovranno comunque fronteggiare le problematiche legate alle password per applicazioni locali non comprese nel programma nazionale. Ogni utente dispone di una smart card per l’accesso sicuro alle applicazioni IT del programma e l’appliance Imprivata OneSign è oggi in grado di utilizzare tali smart card come secondo elemento di identificazione, fornendo funzionalità di single sign-on per tutte le applicazioni a cui un utente è autorizzato ad accedere, sia che vengano fornite dal trust, sia che facciano parte del programma nazionale. Questo approccio permette ai dipendenti di spostarsi in sicurezza tra le diverse applicazioni in maniera veloce, concentrandosi sui pazienti e garantendo la privacy di dati sensibili. I dati relativi alle richieste di accesso vengono archiviati nell’appliance e possono essere utilizzati per generare report su utenti individuali e sulla frequenza di utilizzo delle singole applicazioni, anche quando più utenti condividono la stessa password.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore