Imprivata potenzia la convalida dell’identità

Sicurezza

La società ha aggiunto ulteriori funzionalità alla propria soluzione OneSign
per rispondere alle necessità di strong authentication nelle transazioni

La società specializzata nelle appliance per l’access management e l’autenticazione enterprise Imprivata Inc, ha dotato la propria soluzione OneSign della nuova funzionalità ProveID, che permette di inserire la strong authentication delle transazioni nel flusso di lavoro di ogni applicazione, rispondendo così ai requisiti e alle policy sempre più stringenti che si stanno affermando in numerosi mercati, stati ed aree geografiche. ProveID, insieme a qualsiasi applicazione, può garantire che le transazioni siano autenticate correttamente in maniera tracciabile, eliminando rischi legati a policy e compliance, tra cui trasferimento non autorizzato dei dati, workflow eccessivamente complessi e transazioni o attività non legittime o errate. I possibili impieghi della nuova tecnologia ProveID di Imprivata sono ampi e possono comprendere compiti delicati additati a professionisti specifici, come ad esempio l’ordinazione ed il trattamento di medicinali, la gestione dell’inventario di magazzini e gli ordini operativi nelle banche, sia al pubblico che di affari. ProveID supporta tutte le principali forme di autenticazione basata su due fattori, compresa la biometria delle impronte digitali, i token one-time password e le smart card.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore