In Francia è accordo fra Google e giornali

Aziende
La Commissione Europea chiede più tutele per i consumatori dei siti Web, dopo l'indagine a tappeto svolta l'anno scorso sul turismo online

Google pagherà 60 milioni di euro all’anno agli editori per i contenuti indicizzati dal motore di ricerca, attraverso le partenrhip via AdSense. La Fieg italiana guarda a Parigi

Parigi vale un accordo. Google ha stipulato un’intesa con gli editori francesi: pagherà 60 milioni di euro in un quinquennio ai giornali per i contenuti indicizzati dal motore di ricerca. Ma non sarà una transazione immediata, ma i 60 milioni di euro in 5 anni verranno corrisposti attraverso l’utilizzo di Google AdSense. Il fondo aiuterà i media francesi le organizzazioni dei media a migliorare le operazioni digitali. Dopo due mesi di negoziati, l’accordo è stato raggiunto. I giornali locali avevano chiesto un pagamento a Google in cambio del privilegio di permettere al motore di ricerca di piazzare i propri link. Il governo francese aveva minacciato una “ritorsione fiscale” nel caso non fosse stata raggiunta l’intesa: il governo di Hollande sta esaminando la proposta di tassare i ricavi d’advertising risultanti dalla pubblicità nei risultati di ricerca. A quel punto Google aveva risposto che avrebbe cessato di indicizzare i giornali francesi: una precedente minaccia, in passato, aveva riportato il sereno con Rupert Murdoch, visto che, solo qualche anno fa, ben un quarto delle visite al Wall Street Journal derivavano da Google News e dall’indicizzazione del sito del Wsj sul motore di ricerca di Mountain View.

Eric Schmidt, chairman di Google, ha scritto sul suo blog: “Questi accordo mostrano che attraverso il business e le partnership tecnologiche possiamo aiutare a stimolare l’innovazione digitale per il beneficio degli utenti consumer, i nostri partner e il Web”. La società d’analisi Enders Analysis conferma che si tratta di un‘apertura di Google ad altri accordi in altri Paesi.

La Fieg italiana guarda a Parigi con grande speranza: Giulio Anselmi, presidente della Federazione italiana editori giornali (Fieg), conferma di muoversi nella stessa direzione di Parigi, e che l’accordo francese rappresenta un importante passo avanti. I giornali italiani non vogliono uscire dalla piattaforma, ma non vogliono cedere alla prepotenza.

Google, del resto, può permettersi simili accordi. Dopo una trimestrale in salute, il titolo di Google, in crescita l’altro ieri del 2.6%, è scambiato a 775.60 dollari ad azione. Google ha una valutazione da record rispetto all’IPO dell’agosto 2004, quando il motore di ricerca, oggi guidato dal Ceo Larry Page, divenne pubblico. Secondo EMarketer Google detiene il 41% di tutti i ricavi di advertising digitale nel 2012 negli Stati Uniti. Nel Mobile, Google si aggiudica il 53% delle quote di mercato contro l’8.4% di Facebook. Google domina il mercato advertising USA con il 75% di market share.

Per chi vuole approfondire: The Google Fund for the French Press

Google cede a Parigi: pagherà 60 milioni ai siti di news @ shutterstock
Google cede a Parigi: pagherà 60 milioni ai siti di news
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore