In India Blackberry in stand-by, ma a rischio sono Google e Skype

MarketingNetworkProvider e servizi Internet

L’India sta mettendo sotto pressione tutti i servizi di Tlc per ottenere l’accesso a ogni dato. Dopo il Blackberry, potrebbe toccare a Google e Skype

Il Blackberry di Rim ottiene 60 giorni di tempo di proroga in India per consentire alle autorità locali di verificare il funzionamento della possibilità (offerta da Rim, per chiudere il braccio di ferro) di monitorare i propri servizi (bypassando la crittografia). Adesso però a passare sotto i controlli indiani sono Google e Skype.

L’India sta mettendo sotto pressione tutti i servizi di Tlc per ottenere l’accesso a ogni dato. Lo ha detto alla Bbc l’Home Ministry di New Delhi: “Ogni azienda con rete telecom dovrebbe essere accessibile”.

Già l’anno scorso il ministro degli Interni italiano, Roberto Maroni, aveva posto a Bruxelles la “questione Skype” (l’azienda Voip sarebbe adesso nel mirino di Cisco), in quanto la telefonia su Internet, crittografata, sarebbe impossibile da intercettare per le forse di polizia. Ma in questi mesi è stato reso pubblico un algoritmo del Voice over Ip e svelato il segreto di Skype, aprendo le porte proprio alle intercettazioni future.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore