In Italia due titoli su cento saranno e-book entro l’anno

AziendeMarketingMercati e FinanzaWorkspace

Secondo l’Aie il formato e-book è destinato a raddoppiare, passando dallo 0,7 per cento al 2 per cento

L’evoluzione e-book contagia piano piano anche l’Italia. Secondo la fotografia della situazione elaborata dall’Ufficio studi AIE il segmento coprirà entro la fine dell’anno lo 0,1% del mercato trade (pari a circa 3,4 milioni di euro) e i titoli prodotti in formato e-book saranno destinati a raddoppiare, passando dallo 0,7% di giugno 2010 al 2% di quelli “commercialmente vivi” per dicembre 2010 (elaborazione ufficio studi AIE su dati IE).

Negli Usa, secondo il report dell’International Digital Publishing Forum (IDPF), il mercato e-book coprirà, secondo stime molto caute, il 5% del mercato trade e nei primi 4 mesi del 2010 si è registrata una crescita del 217% sul 2009. L’Europa non è certo da meno se, in base all’elaborazione dei dati della Federazione Europea degli Editori (FEE) per l’editoria digitale (non solo ebook, quindi) il mercato copre il 2,4% in Francia, il 2,5% in Inghilterra, l’1,3% in Spagna.

A Editech 2010 sono stati anche messi in vetrina il Kindle DX, l’Edge di Entourage, l’Alex di Spring design, il WeTab di Neophonie, il Kobo reader.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore