In & Out/ Chi sale e chi scende nelle tariffe mobili e VoIP

Mobility

La bussola per orientarsi nella giungla della telefonia mobile e di quella su
Internet. Questa settimana mettiamo sotto la lente Vodafone, Tele2 (da fisso a
mobile), il VoIP mobile di Fring, Cellity, Eqo Mobile

Vnunet.it inaugura una rubrica settimanale: appuntamento ogni venerdì. Per analizzare le tariffe della telefonia mobile e VoIp. Vediamo chi è In e chi Out questa settimana. In sono Vodafone per la sua prima flat mobile, Tele 2 (da fisso a mobile) e il VoIp mobile Eqo Mobile; Out sono il VoIP mobile di Fring e Cellity.

Vodafone ha annunciato una tariffa flat da 9 euro al mese per l’accesso a Internet in mobilità: la nuova imminente tariffa si differenzia dall’attuale canone mensile di 5 euro al mese (più 25 centesimi per ogni connessione). Non dovrebbe esserci un limite mensile in Mbyte (ma va confermato): in caso si tratterebbe di una vera Flat. L’email push avrà una tariffa a parte, da 15 euro mensili (a novembre). Da fisso a mobile è In la tariffa di Tele 2: dai 28,28 cent al minuto (fascia intera verso 3) ai 9,17 cent al minuto (fascia ridotta verso Tim); è però piuttosto caro lo scatto alla risposta di 10 centesimi. Nel VoIP (mobile) fa capolino Fring, in grado di supportare il roaming automatico tra WiFi e Umts: il log in automatico all’Umts può essere costoso per chi non ha una flat Umts; cade la linea nel passaggio da una rete all’altra. Sempre nel VoIp mobile troviamo Cellity, che sfrutta il sistema di call back come Jajah: l’unico nèo è il prezzo, la chiamata dall’Italia è troppo cara, circa 20-22 centesimi al minuto a seconda del numero. Invece Eqo Mobile consente di risparmiare se si chiama da cellulare italiano: a partire da 1,7 cent al minuto.

Di la tua in Blog Cafè

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore