In partenza negli Usa un piano per il riciclaggio dei pc

LaptopMobility

Il Governo e diverse associazioni promuovono una campagna di sensibilizzazione per la dismissione del materiale elettronico

Negli Stati Uniti parte questa settimana lElectronic Product Recovery and Recycling (EPR2), promosso dal Governo, da organizzazioni no-profit e da alcuni produttori del settore elettronico. Liniziativa punta a incoraggiare il riciclo dei pc usati e dei cellulari tra i consumatori statunitensi. Solo nel 1998, negli Usa divennero obsoleti circa 20 milioni di pc, dei quali solo 2,3 milioni (11%) fu riciclato. È fondamentale che lindustria high-tech Usa sviluppi programmi in difesa dellambiente e uniniziativa volta alleducazione dei consumatori, è un grande passo in questa direzione ha commentato Dave McCurdy, presidente dellEIA (Electronic Industries Alliance), che ha aggiunto lobiettivo è che le nostre produzioni abbiano il minor impatto possibile sullambiente, in tutto il ciclo di vita delle apparecchiature, dalla fase di progettazione alla loro dismissione. Grandi vendor come Ibm e Dell, hanno già lanciato la loro campagna per il riciclo dei pc obsoleti; Ibm offre a consumatori e piccole aziende il ritiro di pc e periferiche in cambio di una piccola quota, mentre Dell ha lanciato il programma DellExchange che offre diversi piani di recupero sotto forma di donazione o vendita, dei pc di qualsiasi marca. La campagna per il riciclaggio è stata accolta anche da Best Buy, primo retailer per lelettronica degli Stati Uniti, che dalla prossima estate lancerà una campagna per il riciclaggio in tutta la sua rete di retailer. Sul sito dellEiae si possono conoscere tutti i termini dattuazione del piano con le diverse specifiche per ogni categoria dintervento.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore