In Toscana il 22% delle imprese della moda italiana

Workspace

Più di 21 mila le aziende presenti. Assieme alle più note griffe, troviamo
moltissime realtà di piccole e medie dimensioni. Oltre l’81% non supera i 6
addetti

L’industria della moda è sicuramente uno dei punti di forza dell’economia toscana: nella regione troviamo aziende come Gucci, Ferragamo, Tod’s, Dolce&Gabbana, Fendi, Prada, Céline e Dior. In totale si arriva a circa 21 mila e 500 imprese, approssimativamente il 22% di quelle presenti su tutto il territorio nazionale. Un polo produttivo all’interno del quale operano 98 mila e 700 addetti. Accanto alle gradi griffe, la maggior parte delle aziende è di piccole e medie dimensioni, tanto che l’81,7% non supera i 6 addetti, il 14,3% ne ha tra 6 e 19 e solo lo 0,2% supera i 100 dipendenti.

All’interno del comparto, il segmento più produttivo è quello del tessile (6.750 aziende e 38.031 addetti), seguito dall’abbigliamento (5.675 aziende, 16.207 addetti), pelli e cuoio (4.295 aziende, 15.994 addetti), calzature (2.455 aziende, 17.669 addetti), oreficeria e gioielleria (2.315 aziende, 10.808 addetti). Un settore, quello della moda, che nel 2005 ha fatto registrare, complessivamente,oltre 18miliardi di euro di fatturato, pari al 34,9% di quello totale del settore a livello italiano.

Nell’ultimo periodo, tra i tanti paesi verso cui esporta i propri prodotti, la moda toscana, riscuote un crescente successo in Russia. Qui, nello scorso anno, la regione ha esportato merci per un valore di circa 197milioni e 600mila euro, il 36,1% in più rispetto al 2005. Dal 2003 ad oggi, l’export toscano del settore moda sul mercato russo è cresciuto a una media annua del 15,6%. Cifre che fanno della Toscana la quinta regione italiana per le esportazioni di questo comparto in Russia.

Fonte Labitalia

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore