In tre per il programma "Innovazione e Finanziamenti"

Aziende

Hp, Intel e Microsoft insieme per favorire l’accesso ai finanziamenti pubblici europei e locali delle Pmi che hanno progetti d’innovazione. I primi passi in Italia

I fondi dell’Unione Europea di Lisbona hanno ampliato le possibilità di accedere a finanziamenti pubblici per le Pmi. Nel periodo 2000-06 sono stati stanziata più di 200 miliardi di euro in sovvenzioni, prestiti, premi, incentivi fiscali o sussidi e per il periodo 2007-13 l’Ue prevede uno stanziamento pari a circa 300 miliardi di euro. Però, solo il 45% delle Pmi europee è a conoscenza di questi finanziamenti o in grado di comprendere quale programma di finanziamento sia più indicato alla propria situazione. Inoltre, a causa della complessità dei processi necessari per richiedere i finanziamenti, solo il 4% delle aziende presenta richiesta e di queste, solo il 25% vi accede.

Nel nostro Paese nel 2003 sono state concesse agevolazioni per circa 8 miliardi di euro (- 26% rispetto al 2002) ma i fondi erogati sono solo per 6 miliardi di euro (- 22%). Le domande di finanziamento presentate nel 2003, si sono dimezzate rispetto al 2002. Le nostre imprese quando decidono di ricorrere al credito per finanziare investimenti strategici utilizzano soprattutto prestiti bancari a breve termine, a prescindere dalla tipologia e dai tempi di rientro degli investimenti stessi. Ciò comporta sottocapitalizzazione, elevati tassi di interesse, necessità di rifinanziamento, e uno scarso utilizzo di forme adatte a sostenere la crescita aziendale. Sulla base di questi fatti Hp, Intel e Microsoft hanno siglato a livello europeo un accordo con l’obiettivo di supportare nel lungo periodo le iniziative previste dalla Commissione europea per migliorare la competitività e promuovere lo sviluppo delle Pmi europee. E’ stato così sviluppato il programma “European Union Grants Advisor” (Euga), adottato con modalità differenti nei diversi Paesi a seconda delle specifiche esigenze. L’obiettivo è aumentare consapevolezza e comprensione delle Pmi sui fondi stanziati dall’Ue, su quelli resi disponibili dagli stati membri a livello centrale, regionale o locale, per facilitare il processo di richiesta per coloro che desiderano trarre vantaggio da questi fondi.

In Italia, Hp, Intel e Microsoft hanno inserito e ampliato le attività previste dall’iniziativa europea all’interno di “Innovazione e Finanziamenti”, un programma che prevede una serie di attività sviluppate sulla caratteristiche delle Pmi italiane. Una delle prime iniziative realizzate è un portale dedicato, accessibile dai siti Internet italiani delle tre società, dove gli imprenditori possono reperire informazioni aggiornate sui finanziamenti disponibili a livello europeo, nazionale e regionale. Le Pmi possono anche usufruire gratis della consulenza di partner qualificati per individuare i finanziamenti più adatti alle proprie necessità e per sottoporre richieste alla Commissione Europea o agli enti nazionali preposti, in tutte le fasi del processo, dalla definizione del progetto alla presentazione della proposta. Il programma e altre possibilità di finanziamento saranno trattate in dettaglio in una inchiesta nel numero di Ottobre di PMI@business

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore