In UK Vodafone e O2 giocano d’anticipo: cinque operatori per solo due reti?

NetworkProvider e servizi Internet

In Gran Bretagna Vodafone e O2 vogliono mettere in comune le loro reti. Orange potrebbe chiedere di partecipare alle loror reti a T-Mobile e a 3 di Hutchison Whampoa: il risultato potrebbe essere un mercato composto da cinque operatori che sfruttano solo due reti

Il mercato inglese della telefonia mobile potrebbe provocare un rimescolamento di carte, ovvero di reti, tale da cambiare il panorama della telefonia britannica. Secondo il Guardian, Vodafone e O2 stanno giocando d’anticipo: vogliono mettere in comune le loro reti. A quel punto, Orange vuole chiedere a T-Mobile (di Deutsche Telekom) e a 3 (divisione di Hutchison Whampoa): il risultato potrebbe essere un mercato mobile britannico composto da cinque operatori che sfruttano solo due reti.

Gli accordi sarebbero in via di negoziazione, e le firme alle intese potrebbero arrivare nel giro di qualche settimana.

Ma non giunge del tutto inaspettata questa indiscrezione: nelle scorse settimane, in Australia è avvenuta la fusione (al 50%) fra Vodafone e Hutchinson Whampoa: la società unica Vha opererà con il brand Vodafone ma avrà i diritti su 3. La fusione (frutto della crisi) serve a contrastare Telstra in Australia.

In Gran Bretagna, tutti e cinque gli operatori dovrebbero continuare a mantenere il brand, per non soffocare la concorrenza: l’accordo sarebbe, anche qui, frutto della recessione, e un modo per tagliare i costi (l’a bbattimento di 51mila stazioni base porterebbe abbassamenti delle tariffe sia telefoniche che servizi Internet). Tuttavia c’è chi teme una riduzione della concorrenza, con conseguenze imprevedibili sul mercato mobile inglese.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore