In Usa è effetto Obama. Dal phishing a Twitter

CyberwarSicurezza

L’Obama-mania non si ferma in Rete: Websense avverte di email truffa che sfruttano il nome del nèo presidente, che intanto ha già fatto nomine hi-tech per il transition team. Il micro-blogging Twitter in un giorno ha registrato più 1100 per cento

Negli Stati Uniti e nel mondo non si parla che di Obama. L’Obamania, partita in sordina dalla Rete quando Obama era pressocché sconosciuto, torna su Internet, sotto varie forme. Il Web 2.0, che ha fatto la fortuna di Obama ai tempi delle primarie contro la notissima Hillary Clinton, ne è il primo beneficiario: nell’election-day e nella lunga notte elettorale, il micro-blogging di Twitter in poche ore ha registrato più 1100 per cento.

Barack Obama ha inoltre nominato manager hi-tech provenienti da Google.org e IAC per il suo transition team, la squadra che dovrà guidare il passaggio di consegne dall’amministrazione Bush a quella Obama.

Infine, anche il phishing approfitta, ancora una volta, del social engineering: Websense avverte di email truffa che sfruttano il nome del nèo presidente. I link invitano a vedere video interviste, ma invece puntano a siti trappola per scaricare malware. Alcune delle email fraudolente hanno link a un file detto BarackObama.exe, che scarica un trojan.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore