In Usa sono tutti pazzi per il WiMax

MobilityNetworkWlan

Gli operatori Tlc e i big della tv via cavo, ma anche Google e Intel sono pronti per investire nel business del wireless a banda larga. Obiettivo: un network mondiale WiMax

Secondo il Wall Street Journalè partita la corsa al WiMax (worldwide interoperability for microwave access) , la banda larga senza fili che abbatte il Digital divide. Sprint Nextel e Clearwire potrebbero presto aprire le porte del loro progetto WiMax a una partnership nel wireless. Gli operatori Tlc e i big della tv via cavo, ma anche Google e Intel sono interessati e sarebero pronti a investire in un network mondiale basato sulla tecnologia WiMax del valore tra i 2,6 e i 2,7 miliardi di dollari. L’obiettivo è ambizioso: Comcast dovrebbe investire 1 miliardo di dollari circa, Time Warner 500 milioni, Bright House Networks 100-200 milioni, Intel 1 miliardo di dollari. I modem WiMax di Sprint sono attesi ad aprile.

Il network sfrutterebbe le frequenze 700 MHz che lo Stato americano ha appena assegnato con un’asta, e finite soprattutto nelle mani di Verizon Wireless e AT&T.

Google, che aveva partecipato all’asta senza ottenere nulla, sta premendo per impiegare d al 2009 le frequenze Tv non utilizzate (il cosiddetto white space) per creare connessioni Internet senza fili, già ribattezzato come WiFi 2.0 . Google ha detto all’autorità per le comunicazioni Usa (Fcc) di voler impiegare lo spettro tra i canali di trasmissione analogica per servizi broadband mobile. La Fcc sta testando lo spettro degli “white space” per verificarne l’usabilità senza interferire con le trasmissioni tv.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore