In Usa un terzo dei navigatori utilizza lo streaming audio e video

Network

Il 35% dei navigatori lo scorso dicembre ha seguito dei webcast, Miami la città più attenta alle nuove forme di trasmissione

Nielsen/NetRatings la società leder a livello mondiale per le misurazioni degli accessi ai servizi online, ha pubblicato una ricerca sulle abitudini degli utenti statunitensi riguardo lo streaming di materiale audio e video. Nel dicembre dello scorso anno, più di un terzo dei navigatori Usa (35%, 34,6 milioni di persone) si sono connessi al Web e hanno visto o ascoltato i contenuti in webcast audio o video. Solo nella città di New York, 2,6 milioni di persone accedono ai contenuti in formato streaming (37,4% dei navigatori), a Los Angeles sono invece 1,9 milioni (36,9% dei navigatori). Ma le città dove la pratica dello streaming ha maggiore successo, sono nellordine Miami, Cincinnati e Houston. A Miami ben il 43% (506.000 persone) dei navigatori segue le proposte delle web-radio o web-tv, a Cincinnati sono il 41% (per un totale di 327.000 persone). Miami è un centro dalle attività culturali molto vive, con una forte presenza di popolazione dorigine ispanica commenta T.S. Kelly, direttore dellInternet Media Strategies Di NetRatings. Gran parte della popolazione segue i contenuti in streaming per essere informata su quanto succede nei paesi di provenienza. Secondo lanalista, la diversità dei formati in cui vengono veicolati i contenuti via Web, gioca un ruolo importante nellaumento dei surfer Mentre per la larga banda dovremo aspettare ancora qualche anno prima di raggiungere la cosiddetta massa critica, i web-surfer stanno già prendendo labitudine di accedere al webcast. Il mix tra i diversi media sarà determinate per la crescita di questo pubblico.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore