Indagine Cybertrust sull’impresa estesa

CyberwarSicurezza

Un terzo degli intervistati dichiara di aver avuto incidenti di sicurezza
ricollegabili a comportamenti dei partner

Una recente indagine condotta presso oltre 200 organizzazioni di diversi paesi da Cybertrust ha rivelato che le reti di imprese possono nascondere rischi legati alla sicurezza informatica: un terzo degli intervistati da Cybertrust, infatti, dichiara di aver avuto incidenti di sicurezza ricollegabili a comportamenti dei partner. Anche se la maggioranza delle organizzazioni è consapevole della necessità di monitorare il livello di sicurezza garantito dai partner, di fatto meno della metà poi lo fa realmente. Circa i tre quarti delle organizzazioni hanno la percezione che i partner con cui hanno relazioni d’affari possano aumentare la loro esposizione a rischi legati alla sicurezza informatica, con un 13% che dichiara di aver posto fine a una partnership proprio a causa di questo concreto timore. Tra le organizzazioni che avevano avuto questo tipo di episodi, le infezioni da codice maligno sono state gli incidenti più citati (43% del campione), seguiti da accessi non autorizzati alla rete aziendale (27%), denial of service (9%), abuso o uso improprio del sistema (8%), furti di dati (7%), frodi (6%). Alla domanda relativa alla frequenza con la quale il livello di sicurezza dei partner viene controllato, circa la metà degli intervistati ha risposto ?mai? o ?non so?; il 19% aveva condotto una sola verifica prima di formalizzare la partnership, il 7% solo una volta formalizzata e il 23% prima e dopo. I risultati dell’indagine spiegano come mai il 79% degli intervistati abbia infine dichiarato che una metodologia indipendente, obiettiva, affidabile e pratica per verificare le politiche di sicurezza dei partner sarebbe molto utile alla loro organizzazione. Anche sulla scorta di questa indagine, Cybertrust ha deciso di rendere disponibile il nuovo Partner Security Program, una soluzione completa per la gestione della compliance nell’ambito dell’impresa estesa. Il Pdf dell’indagine è qui .

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore