I.Net si allarga

Workspace

Nel giro di un anno la società ha l’obiettivo di raddoppiare la superficie a Settimo Milanese a disposizione dei clienti

Dallo scorso settembre I.Net, Application Infrastructure Provider, controllato al 50,8% da British Telecommunications, ha dato il via ai lavori per la nuova Business Factory, che andrà ad affiancarsi a quella già esistente a Settimo Milanese. “Si tratta della quinta Web Farm di I.Net, ha dichiarato Roberto Galimberti, presidente del Gruppo I.Net, alla presentazione del progetto. Le altre quattro sono completamente riempite. “È un progetto che ha richiesto sei mesi di studio, per il quale sono state esaminate 12 alternative e che sarà pronto in un anno”. I.Net, ha proseguito, ha deciso di aggiungere a una struttura di 3.600 metri quadrati, tutti riempiti, altri 6.000 metri quadrati con un piano di investimento lungo quattro anni”. Quella di costruire secondo certe tecnologie e requisiti fisici è una scelta obbligata: “Infatti, ha sottolineato Galimberti, le caratteristiche fisiche e tecniche dei palazzi che devono ospitare sistemi di questo tipo sono tali per cui non si possono adoperare palazzi preesistenti; costa infinitamente di più metterli a posto”. Dal punto di vista delle soluzioni di sicurezza sarà un impianto unico in Europa, che comporterà notevoli risultati in termini di efficienza. Forte dell’esperienza che deriva dalla progettazione delle altre quattro Web farm, l’investimento necessario per il completamento di questa quinta è del 25% inferiore a quello della precedente, a fronte di un 50% di spazio in più e di un risparmio energetico del 23%. Il progetto dà continuità alla missione di I.Net volta a garantire ai propri clienti una gestione dei loro sistemi vitali e mission critical. “A un cliente, ha enfatizzato Galimberti, diamo una continuità di servizio al 99,999%,che significa una indisponibilità massima di 2 ore in 40 anni”. Oggi I.Net alla componente storica di gestione di reti e sistemi di sicurezza affianca una serie di servizi a valore aggiunto, quali larga banda, messagistica sicura, telefonia Internet, che la porta ad occupare una posizione di leadership nel mondo delle reti Ip. “Prima vendevamo Internet access e housing, oggi queste non sono più componenti separate, ha affermato Galimberti, il tutto compone ununica offerta di Network and System Management e Internet Security, che proponiamo in modo olistico e proattivo”. E la buona posizione della compagine trova conferma anche nei numeri: i l fatturato globale è aumentato del 7%, gli ordini del 158% e le prestazioni dei servizi a valore aggiunto sono state molto buone, con un passaggio dal 23% dello scorso anno al 34%. E la struttura continua a generare flussi positivi di cassa, sintomo dello stato di buona salute societario.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore