Influenza suina, le mappe di Google si aggiornano

Management

Dopo Google Flu trends, una nuova mappa di Google tiene monitorati i casi di contagio da H1N1. Le raccomandazioni di Gartner ai globe-trotter della globalizzazione

L’influenza suina, come l’aviaria poche stagioni fa, tiene il mondo con il fiato sospeso. Anche le mappe di Google si aggiornano per monitorare i casi di contagio da H1N1 . La mappa non ha accuratezza scientifica, ma permette agli utenti di avere sott’occhio una situazione in divenire, in un momento di panico, dopo l’allarme dato dall’Amministrazione Usa (anche se il Presidente Obama ha detto che non c’è vero allarme). Su Twitter è possibile seguire le raccomandazioni del Center for Disease Control and Prevention.

Google non è nuova in queste iniziative: da tempo ha già sfoderato Google Flu Trends , uno strumento online per cercare di prevedere in anticipo i picchi inflenzali e la diffusione delle malattie.

Anche l’Università del Colorado ha di recente annunciato in uno studio di sfruttare Google Earth per mappare l’influenza aviaria , con le mutazioni genetiche dell’H5N1.

Infine Gartner ha diramato le raccomandazioni per le aziende hi-tech multinazionali, esposte ai disagi della globalizzazione, per monitorare l’H1N1: innanzitutto, leggere i suggerimenti del governo Usa ; scaricare e leggere il Pdf di Ffiec ; enfatizzare le norme igieniche (lavarsi le mani innanzitutto); determinare quali aree potrebbero essere a rischio, isolarle e trovare soluzioni alternative in tempi brevi.

103 persone hanno perso la vita in Messico per il cosiddetto virus suino. Inoltre secondo l’Oms il nome “influenza suina”, attribuito dai media a questa influenza, è scorretto perché contiene elementi umani e aviarie, e non suine.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore