Inizia la stagione dei nuovi server

Workspace

Intel pronta con i nuovi Xeon dual core e a breve con Itanium 2

Con l’adesione di partner e costruttori – in Italia anche Asem – Intel ha dato il via a una impegnativa stagione estiva di lanci di nuove architetture e processori per applicazioni server in tecnologia a 65 nanometri. In attesa della nuova versione di Itanium (nome in codice Montecito), prevista per fine luglio, con dual core processing e funzionalità avanzate di virtualizzazione, Intel si esercita anche con la nuova microarchitettura Core in versione server.

Ai costruttori di server Intel ha offerto da subito una nuova piattaforma (nome in codice Bensley) incentrata sul processore Xeon dual core nella versione 5000. Con partenza da giugno e piena disponibilità nel terzo trimestre di quest’anno Intel aggiorna la piattaforma Bensley anche con un processore di nuova generazione, la serie 5100 di Xeon (nome in codice Woodcrest), che ridurrà ulteriormente del 35% il consumo energetico dei precedenti Xeon 5000 che già offrono un rapporto ottimale tra prestazioni e Watt consumati.

Gli Xeon Woodcrest staranno al centro di soluzioni server dual core ottimizzate per data center con un consumo di 80 Watt. Nella pipeline di Intel è già pronto per l’inizio del prossimo anno il primo processore quad core compatibile a livello di socket con la piattaforma Bensley a 64 bit studiata per il supporto di server biprocessore, realizzando in pratica server a 8 processori. Come spiegano i tecnici di Intel, non si tratta tanto di potenza di Cpu, ma di architettura nuova che unisce efficienza a risparmio energetico: uno dei problemi emergenti nei data center sta diventando la concentrazione di calore e il consumo energetico.

La microarchitettura Core, cioè l’ambiente che contorna i nuovi Xeon, è progettata per ottenere più prestazioni, ma i costruttori puntano in particolare sulle capacità di virtualizzazione su hardware predisposte da Intel e supportate da Microsoft, Vmware e Xen. Un altro importante progresso riguarda la capacità di gestione di più server con installazione di sistemi in remoto in modo indipendente dal sistema operativo.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore