Inizia una nuova era per i rapporti fra imprese e cittadini

NetworkProvider e servizi Internet

Grazie a nuovi strumenti come la firma digitale ed il protocollo elettronico i rapporti fra imprese e cittadini potranno essere più snelli, trasparenti ed allinsegna delle nuove tecnologie.

Il membro dellAIPA (Autorità per lInformatica nella Pubblica Amministrazione) Roberto Benzi ha annunciato al meeting organizzato a Roma dalla EESSI ( lorganismo europeo che si occupa della definizione delle regole standard valide per tutti i paesi europei sulla firma digitale) e da Infocamere che il governo si impegna a distribuire un milione di smart card per la firma digitale a imprese e cittadini entro la fine dellanno. I dati presentati da Infocamere a Roma effettivamente testimoniano una realtà molto avanzata nel 2002 secondo lUnioncamere oltre 70mila pratiche riguardanti attività societarie, atti costitutivi e modificativi, verbali e soprattutto bilanci, sono state inviate dalle imprese alla competente Pubblica Amministrazione in formato totalmente digitale, senza cioè nessun accompagnamento cartaceo. Nei primi tre mesi del 2003 sono già state 30mila le pratiche inoltrate via web, e la previsione è che alla fine dellanno in corso il numero sia almeno quadruplicato. Dal trenta giugno sarà infatti obbligatorio iscriversi al registro delle imprese solo per via telematica e dal primo gennaio 2004 le P.A. dovranno adottare il Protocollo informatico per registrare tutta la corrispondenza. Le imprese italiane sono già ad un livello molto avanzato per quanto riguarda i processi di firma digitale, mentre più lento invece è il ricorso a certificazione più leggera ossia a quella di minore valore legale, ma comunque importante principalmente per le-commerce. Nellambito della gestione elettronica della documentazione amministrativa ogni unità organizzativa riceve e produce una notevole quantità di documenti. Questa attività si estrinseca in processi che sono governati da procedure e regole complesse ed articolate. In molti Enti, specialmente in quelli pubblici, lattività di protocollazione costituisce la fase iniziale di un processo e certifica la provenienza e la data di acquisizione di un documento identificandolo in maniera univoca nellambito di una sequenza numerica collegata con lindicazione cronologica. Essa costituisce, quindi, il punto nevralgico di tutti i flussi di lavoro tra le organizzazioni (specialmente pubbliche) e allinterno di esse; le modalità di gestione assumono di conseguenza unimportanza fondamentale nella strategia operativa dellunità organizzativa. Il conseguente sviluppo di strumenti quali la firma elettronica ed il protocollo uniti allespansione delluso della posta elettronica, rende possibile la realizzazione di una gestione completamente automatizzata dei flussi documentali e la conseguente attuazione di profonde innovazioni nelle modalità di lavoro delle unità organizzative. [ STUDIOCELENTANO.IT ]

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore