In&Out/Vodafone 360 e number portability in tre giorni

NetworkProvider e servizi Internet

La bussola per orientarsi nella giungla della telefonia mobile e di quella su Internet. Questa settimana mettiamo sotto la lente la nuova piattaforma che porta contatti, social network, applicazioni, musica e foto su cellulare e smartphone e la delibera AgCom sulla portabilità del numero per chi cambia gestore

La rubrica settimanale In & Out/ Chi sale e chi scende nelle tariffe mobili e VoIP analizza le tariffe della telefonia mobile e Voice over Ip (telefonia su Internet).

Vodafone 360 : il nuovo servizio arriverà entro Natale. In sintesi è una piattaforma aperta di servizi fruibili da cellulare, smartphone e personal computer. La piattaforma si porterà appresso nuovi cellulari (Samsung presenterà i primi due modelli) ma che sarà poi disponibile con i terminali dei maggior vendor e sarà compatibile con i tutti sistemi operativi per smartphone (Symbian, Windows Mobile, Android, Linux Mobile). Apple escluso.

In breve, Vodafone 360 sarà una piattaforma in grado di portare contatti, social network (Facebook, Windows Live Messenger, Google Talk e Twitter), applicazioni, musica e foto sul cellulare e sul computer (si snoda in tre categorie di servizi:MyWeb, People, Apps). Al lancio, Vodafone 360 sarà disponibile su due cellulari realizzati da Samsung, basati sul sistema operativo Linux Mobile. Il Vodafone 360 H1 – con schermo 3.5” multitouch ad alta definizione OLED, 16GB di memoria, e WiFi – e il Vodafone 360 M. In aggiunta, i servizi Vodafone 360 saranno proposti su quattro telefonini Nokia con sistema operativo Symbian, mentre più di 100 modelli di cellulare potranno fare il download dell’applicazione. Sui costi dei servizi nessuna ufficialità, se non che non si discosteranno da quelli attuali per i servizi mobile flat: 10 euro mensili per chi ha un abbonamento, 3 euro a settimana per le opzioni ricaricabili.

Number portability, tre giorni per cambiare operatore mobile : Il Consiglio di Stato finalmente dà ragione ad AgCom e annulla la sospensione del Tar del Lazio che dava ragione alle Tlc. Gli utenti devono poter cambiare operatore mobile al massimo in tre giorni contro i 33 precedenti. Anche il credito non verrà perso. Finora si aspettava a un mese, ma d’ora in poi si passerà dai 33 giorni al massimo a 3 giorn i: l’AgCom ha vinto il ricorso al Consiglio di Stato (insieme a Wind, 3 Italia e Poste Italiane), annullando la sospensione del Tar del Lazio che dava ragione alle Tlc.

Il credito non verrà perso, ma tornerà all’utente, tolta una quota (da 1 a 1,6 euro) per i costi di gestione. Il limite di 3 giorni imposto dall’Autorità resta confermato: la portabilità del numero in tempi rapidi significa maggiore concorrenza e minore possibilità di tentativi di retention da parte degli operatori. Le pratiche di ‘retention‘, ovvero la possibilita’ di formulare controfferte vantaggiose ai clienti sono, a parere della stessa Autorita’, lecite ed a vantaggio dei clienti e della libera concorrenza. Purché fatte in tempi brevi e senza truffe. Il prossimo passo consisterà nello scendere a 24 ore, come raccomanderà presto la Ue.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore