Inserzionisti contro l’accordo fra Google e Yahoo!

Aziende

Mentre il titolo di Yahoo! pare in caduta libera, la Association of National Advertisers chiede l’intervento dell’Antitrust Usa sull’intesa pubblicitaria con Google

Carl Icahn, ormai dentro il board di Yahoo!, potrebbe tornare all’attacco dell’attuale dirigenza e perfino resuscitare il progetto MicroHoo, e cioè bussare alla porta di Microsoft. Per ora sono solo speculazioni, ma la crisi di salute di Yahoo! può essere fotografata da due episodi: da alcuni giorni il titolo di Yahoo! pare in caduta libera, a quota 17,75 dollari, indietro di cinque anni e circa la metà di quanto offrisse Microsoft nell’Opa dello scorso inverno (rifiutata da Yahoo!); inoltre viene messa in discussione l’intesa pubblicitaria con Googl e.

La Association of National Advertisers (Ana) chiede l’intervento dell’Antitrust Usa sull’accordo fra Google e Yahoo!: l’Ana raccoglie 400 aziende che spendono 100 miliardi di dollari in marketing e advertising. Il Dipartimento di Giustizia dovrebbe dare il suo semaforo, verde o rosso, nelle prossime settimane. Finora Google si diceva ottimista. Per Yahoo! l’accordo è fondamentale per recuperare in profittabilità e scongiurare un nuovo assalto di Carl Icahn o di Microsoft.

Anche il Cfo di Microsoft, Chris Liddel , ha commentato l’attuale situazione con un laconico “Mai dire mai“.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore