Intel aggiorna i chip di fascia Extreme

ComponentiMarketingWorkspace
Intel Sandy Bridge di seconda generazione, Cpu a livelli "estremi"

In occasione del 40esimo compleanno del processore, Intel rinnova la gamma Core i7 di seconda generazione a sei-core: Intel Core i7-3960X e Intel Core i7-3930K

Per festeggiare il 40° anniversario della CPU Intel 4004, il primo microchip, Intel aggiorna la gamma Core i7 di seconda Generazione a sei-core e 12 thread. Si tratta di processori top di gamma per desktop, dedicati ai power user e agli utenti di fascia alta. I processori Intel Core i7-3960X e Intel Core i7-3930K sono i primi processori client a sei core della famiglia di processori Intel Core di seconda generazione, e i primi processori Intel per client in assoluto a supportare memoria a quattro canali.

Nei settori della creazione di contenuti, del rendering 3D e del gaming, sempre più utenti di fascia alta hanno esigenza di lavorare con software ottimizzati per molteplici core e con applicazioni evolute dalle ampie cache delle CPU e dal nuovo supporto per memoria a quattro canali. “Sandy Bridge” di seconda generazione raggiunge “livelli estremi” con oltre 2 miliardi di transistor, i nuovi processori Intel per client offrono la potenza di elaborazione equivalente a circa 365.000 processori Intel 4004, di cui si celebra questo mese il 40esimo anniversario.

“Per il rendering dei nostri mondi caratterizzati da texture esclusive, RAGE impiega un processo di elaborazione estremamente intensivo in tempo reale per la transcodifica dei dati delle texture, da una forma altamente complessa su disco a un formato di compressione che la GPU possa impiegare direttamente per il rendering”, ha osservato John Carmack, Technical Director di id Software.

Basate sul processo di produzione a 32 nm di Intel, le nuove CPU operano a 3,3 e 3,2 GHz, con cache L3 rispettivamente di 15 MB e 12 MB. Il chipset Intel X79 Express che supporta la nuova piattaforma con socket LGA 2011 disponde di porte Serial ATA (SATA) a 6 Gb/s e corsie PCIe 2.0 aggiuntive, per rendere possibili nuovi livelli di prestazioni ed espandibilità per le piattaforme desktop di fascia alta.

GUARDA: Federico Faggin: “Il computer cognitivo è ancora lontano, ma la sfida è davvero il pc intelligente”

Intel Sandy Bridge di seconda generazione, Cpu a livelli "estremi"

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore