Intel, con Centrino 2 memorie a stato solido

CloudServer

Memorie veramente di massa, ma costose

Il mese di giugno è per Intel il mese di Centrino 2, la nuova piattaforma per i personal computer portatili. Secondo alcune delle indiscrezioni che accompagnano l’evento Intel starebbe pensando anche a memorie allo stato solido da 80 Gb. Intel partirebbe nel terzo trimestre di quest’anno , con questa capacità di memoria di massa gestita da Centrino 2 ( nome in codice Montevina) attraverso un’interfaccia serial Ata per poi crescere a 160 e 250 Gb.

Al di là delle indiscrezioni, è certo che diversi costruttori di personal computer, da Apple a Lenovo, si muovono sulla strada delle memorie Ssd per offrire agli utenti maggiore portabilità e maggiore durata delle batterie differenziandosi al tempo stesso dalla concorrenza. Un’offerta in bundling di memorie allo stato solido e chip renderebbe attraente la soluzione Intel per altri vendor.

Una conferma delle indiscrezioni potrebbe venire dal fatto che Intel ha già dimostrato una memoria Ssd con interfaccia Pata per il processore Centrino Atom, la nuova piattaforma di calcolo per quelli che Intel chiama Mobile Internet Device. Queste memorie devono salire da 2 a 4 Gb per arrivare a 16 Gb entro fine anno.

Sulla strada della promessa Ssd però il fattore costo gioca un ruolo essenziale . Una stima del momento per 64 Gb è di un costo di 800-1000 dollari da aggiungere a quello di un notebook tradizionale. Ma molti costruttori puntano sulla abituale diminuzione dei costi delle memorie a parità di capacità nel corso dei prossimi anni, prevedendo memorie di 128 Gb a 500 dollari per il 2010.

Al momento dell’annuncio della piattaforma Centrino 2 a 45 nanometri tutti i costruttori rinnoveranno la loro offerta di portatili. La piattaforma che integrerà su silicio WiMax e WiFi partirà con processori dual core per crescere al quad core entro l’anno in corso, prima dell’arrivo previsto per il 2009 di una nuova piattaforma che porta il nome in codice di Calpella.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore