Intel e la gestione portatile

ComponentiWorkspace

Mentre arrivano i nuovi portatili con Centrino Duo, Intel è al lavoro su
nuove funzioni per la loro gestione. Una nuova filiera ultramobile

La nuova generazione della tecnologia Centrino Duo per la mobilità basata sui processori Core 2 Duo sta approdando anche nei Pc portatili. Un lungo elenco di fornitori di notebook ha iniziato da settembre, prima fra tutti Dell, ha rilasciare sistemi. Le previsioni sono che alla fine di novembre tutti i fornitori di portatili, nostrani e internazionali, avranno aggiornato la loro gamma per alloggiare le Cpu Core 2 Duo a 65 nanometri nelle loro diverse variazioni clock ( T7xxx e T5xxx), ma sempre con bus da 667 Mhz, tensione di 1,3 V e cache di secondo livello da 2 o 4 Mb. La volontà di precedere Amd sull’adozione di una tecnologia di integrazione da 65 nanometri sta dando dunque i suoi frutti anche per Centrino.

Intel privilegia il raddoppio dei core di elaborazione invece che le frequenze di clock del processore. Il risultato, spiegano in Intel, è costituito da prestazioni più elevate e migliore risparmio energetico. Tale risparmio si realizza con alcune innovazioni. La Dynamic Power Coordination consente di gestire in modo indipendente per ogni core il passaggio alla modalità inattiva. Altre funzionalità agiscono sul livello di attività della memoria cache e direttamente sul drenaggio di energia dalle batterie nelle varie modalità di funzionamento del portatile. Tra le novità della piattaforma Centrino Duo è l’interoperabilità, in attesa della piena conformità, del wireless WiFi con le future specifiche 802.11n. Per il wireless a larga banda con le reti 3G Intel collabora invece con Nokia.

Nel presentare le potenzialità di Centrino Duo, Dario Bucci, amministratore delegato di Intel per Italia e Svizzera, ha tenuto a rivendicare a Intel un installato totale di oltre 4 milioni di Cpu in tecnologia da 65 nanometri e ha preannunciato per la fine del prossimo anno il passaggio ai 45 nanometri. Ma non sono ancora disponibili su Centrino e sulle Cpu Xeon per i server alcune caratteristiche di particolare interesse per il supporto all a manutenzione e alla gestione dei personal computer che sono tuttavia già presenti sulla piattaforma Vpro inserita nei modelli desktop ad uso aziendale. Queste estensioni built-in per il management e la sicurezza arriveranno sui portatili a metà del prossimo anno e poi sui server entro la fine del 2007.

Della piattaforma Centrino di nuova generazione faranno parte molte funzionalità della piattaforma Vpro. Con rete e software opportunamente abilitati l’ Active Management anche wireless consentirà di migliorare in ambienti aziendali gestione delle risorse, sicurezza e disponibilità dei sistemi in funzione della riduzione del Tco delle macchine. E’ previsto anche un ?acceleratore? basato su memoria flash che consente di riprendere la piena produttività dei sistemi dopo la sospensione e di eseguire applicazioni a velocità raddoppiata pur risparmiando 0,4 Watt di energia per il disco fisso. Molte di queste funzionalità richiedono l’adozione del prossimo Windows Vista. Per la prima metà del prossimo anno è infine previsto il completo rinnovo dei chip per l’ultramobilità con dimezzamento del consumo energetico rispetto alle stesse soluzioni ultramobili attualmente disponibili.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore