Intel e Micron insieme sulle memorie flash

Aziende

IM Flash Technologies è la joint venture per produrre memorie Nand flash. Il primo cliente è l’iPod

Apple ha già prepagato 500 milioni di dollari per garantirsi il suo posto in linea con la popolare tecnologia delle memorie Nand flash (Apple farà acquisti anche da Hynix Semiconductor, Samsung Electronics e Toshiba per un totale di 1,25 miliardi di dollari).L’iPod di Apple sarà quindi tra i primi clienti della joint venture tra Intel e Micron Technology, che stanno lanciando una partnership per produrre queste memorie flash. Si chiama IM Flash Technologies la joint ventur e, di cui Intel possederà il 49%, mentre il rimanente andrà a Micron. Intel e Micron contribuiranno inizialmente con uno stanziamento da 1,2 miliardi di dollari, cui seguirà un secondo da 1,4 miliardi di dollari nel prossimo triennio. La joint venture avrà sedi in Idaho, Utah e Virginia. Le memorie Nand sono protagoniste di fotocamere digitali, fotofonini e lettori musicali portatili. Intel, colosso della memoria non volatile, vuole entrare nel segmento flash di questo mercato a rapida espansione: parola di Paul Otellini. La produzione iniziale è prevista per l’inizio del 2006.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore